Stelle e Champagne

Venerdì 16 aprile, 2010

ore 9,40

Talvolta i desideri, i sogni e tutto ciò che entra a far parte della sfera del “vorrei, ma chissà….” si avverano. Così, pur girando e viaggiando molto, mai avrei immaginato di poter intervistare l’unica chef donna francese ad avere tre stelle Michelin nel suo bellissimo ristorante di Valence.

L’occasione è arrivata grazie alla Maison francese Perrier-Jouet fondata ad Epernay nel 1811 che produce champagne e mi ha invitata a un’esperienza polisensoriale unica, creata appositamente in occasione degli eventi Fuori Salone (collegati al “Salone del Mobile”) di Milano.

LEI, LO CHEF

Minuta, quasi uno scricciolo, sguardo dolcissimo, aria timida Anne Sophie Pic sprigiona fascino e sensibilità ad ogni gesto. Porta i capelli raccolti con cura sulla nuca, qualche ciocca, sfuggita dallo chignon, le dà un tocco sbarazzino.  Il sorriso le accende il viso mentre parla, gli occhi grandi e scuri si fanno ancora più intensi quando racconta della sua cucina, del suo piccolo bimbo Nathan, di come crea un piatto o pensa un abbinamento, di come sia difficile conciliare maternità e lavoro (il pomeriggio lo passa con suo figlio, la sera invece si dedica totalmente al ristorante), di quanto le piaccia trasmettere le sue ricette attraverso gli ultimi libri che ha scritto (il prossimo in uscita, a maggio, riguarda la cucina per bambini). Una donna e una mamma che mette entusiasmo e passione in tutto ciò che fa. Una “cuoca”  – come le piace definirsi – straordinaria che unisce alla perfezione tecnica ed estetica un tocco leggero, delicato, sensibile, assolutamente femminile.

da sinistra: io e Anne Sophie; in basso: Anne Sophie e Noé Duchaufour, e anche Hervé Deschamps

La collaborazione con la Maison Perrier-Jouet nasce un paio di anni fa quando viene chiamata in occasione del lancio della cuvée “By and For”. Si crea fin da subito una sintonia con lo chef de cave Hervé Deschamps. Poi, il viaggio insieme continua e diventa una collaborazione consolidata: gli champagne della maison infatti si caratterizzano per “eleganza, cura dei dettagli e sottigliezza del gusto” elementi che, spiega Anne, si sposano magnificamente con la sua cucina.

LUI, LO CHAMPAGNE

Sono tre le cuvée che la raffinata Maison Perrier-Jouet ci ha invitato ad assaggiare.

La prima è la Belle Epoque Blanc de Blancs” 2000 Chardonnay in purezza che viene definita come la quintessenza del terroir di famiglia. Un vino sensuale, morbido e setoso, con accenti fioriti di acacia e pero, toni agrumati di limone, molto elegante e fresco. Prodotto in piccoli quantitativi da una piccola parcella di terreno in Champagne, rappresenta il vanto della maison.

La seconda è la “Belle Epoque” 2002 emblema dello stile Perrier-Jouet. Nato a metà dell’800 è il primo champagne brut francese elaborato per andare incontro alle esigenze del mercato inglese dell’epoca che preferiva vini più secchi (fino a quel momento lo champagne era solo dolce). Bellissima poi la storia legata alla caratteristica bottiglia con delicati anemoni. Disegnata dal maestro vetraio Emile Gallé, nel 1902, in un raffinatissimo stile liberty, viene “persa” durante le guerre. Ritrovata dopo molti anni viene riproposta dalla casa nel 1969 con leggere modifiche del disegno e dei colori.

Infine la cuvée “Belle Epoque Rosé” 2002 è il vino più sensoriale della casa. Pregiato e dal caratteristico colore rosa salmone gioca su aromi che sanno di frutti di bosco, lampone e fragolina selvatica in particolare, dovuti al blend con vini rossi di Bordeaux.

LORO, GLI AMUSE – BOUCHE

Per ogni tipo di champagne Anne Sophie Pic ha pensato due abbinamenti golosi che completano ed esaltano gli aromi del vino, una collezione di prelibatezze di grande finezza e sensualità, esteticamente ineccepibili.

Perle di foie gras (d’anatra) e Sudachi: il mini assaggio a forma di semisfera arriva su un cucchiaino di legno scuro. La consistenza è vellutatissima, il gusto fine e il tocco del limone giapponese (sudachi) dà un velo di acidità e di sottilissima amarezza che crea un finale perfetto. (Abbinamento: cuvée B.E. Blanc de Blancs 2000).

Perle di parmigiano e pepe di Sechuan: una piccola esplosione di sapore pensata per onorare l’Italia. Messo in bocca e mangiato il candido amuse bouche, servito tiepido, si rivela sobrio e saporito. Si esalta appieno il gusto di latte del Parmigiano Reggiano giovane e l’accento fiorito del pepe cinese si sposa con la sua ricchezza aromatica. (Abbinamento: cuvée B.E. Blanc de Blancs 2000).

Marshmallow e noci: un gioco intelligente e divertente. La consistenza morbida e untuosa del dolcetto tipicamente americano accentua la burrosità e la nota vegetale delle noci che svelano anche un leggero, ma percettibile gusto amaro. Creativo e squisito. (Abbinamento: cuvée B.E. 2002)

Melba Toast con lardo di Colonnata e formaggio Comté: Un sottilissimo sandwich croccante di sfoglia con un velo di lardo e di Comté. Un matrimonio saporito, intenso, fragrante, burroso, generoso. (Abbinamento: cuvée B.E. 2002)

Salmone vanigliato e mela Granny Smith: un micro rotolino di pesce affumicato, iodato, addolcito da una goccia di olio alla vaniglia e un cuore croccante e acidulo di mela verde, semplicemente delizioso. (Abbinamento: cuvée B.E. Rosé 2002).

Macaron alla barbabietola rossa e aringa: gli opposti si attraggono. Un piccolo gioiello color viola intenso che sfrutta il contrasto dolce-salato. Un ripieno di barbabietola soffice e delicatissimo, la nota sapida e affumicata dell’aringa, un capolavoro di savoir-faire gastronomico.

L’ALTRO, IL FLOWER TABLE

Ideato dal talentuoso designer e architetto d’interni Noé Duchaufour-Lawrance è un originalissimo tavolo destinato alla degustazione dello champagne Perrier-Jouet. Un pezzo di design elegante e raffinato ispirato ai celebri anemoni che popolano le bottiglie della maison francese. “Un oggetto libero, sulle orme dell’Art Nouveau” dice Noé. Sensuale omaggio alla natura e alla primavera che fiorisce il “Flower Table” ha la forma sinuosa di un fiore stilizzato che cela nel suo cuore pulsante un secchiello per le bottiglie e si allunga morbidamente di lato per creare uno spazio funzionale, intorno al quale raccogliersi per la degustazione.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...