Martedì, 19 gennaio 2010


Ore 10,00

Devo fare una confessione. La mia biblioteca gastronomica è un santuario di libri provenienti da tutto il mondo divisi maniacalmente per origine geografica, per chef, per argomento trattato. Un insieme di alcune centinaia di volumi raccolti negli anni, durante i viaggi o acquistati compulsivamente nelle librerie, che ho sfogliato, letto, studiato e riletto decine e decine di volte senza mai stancarmi. Un paradiso in cui amo rifugiarmi quando sono stanca, felice, triste o annoiata. Ogni tanto ne tiro fuori qualche ricetta. Complice un recente viaggio a Monaco di Baviera, che ha risvegliato il mio interesse per la cucina tedesca, sono allora andata a rispolverare ciò che avevo in “cantina”. Sfogliando e ri-sfogliando “Modern German Food” di Roz Denny  alla fine ho puntato l’occhio su una intrigantissima torta di mele anzi per l’esattezza su una golosa Apfelstreusel-Kuchen mit Kirschwasser che in italiano suona più o meno come torta “streusel” di mele e kirsch.

Insomma, per farla breve, è la versione tedesca di una semplice e rassicurante torta di mele. Una soffice delizia resa più saporita dall’aggiunta di un “topping” (streusel) ossia di una copertura fatta di farina, burro e zucchero (nota nel mondo anglosassone come ingrediente del caratteristico “crumble”) che ricorda, nella consistenza, delle croccanti briciole di pasta tipo frolla. Quando si addenta, il contrasto tra la morbidezza della torta punteggiata di morbidi pezzetti di mela e le briciole burrose e zuccherine è davvero piacevole, mentre l’aroma del liquore è gradevole e persistente. La scelta delle mele, secondo me, è decisiva in quanto influisce molto sul sapore finale del dessert. Io ho scelto delle “golden  delicious” piuttosto dolci e succose del Sudtirolo. Voi potete lasciarvi trasportare dall’umore del momento o dalle vostre preferenze.

Solo un paio le modifiche fatte alla ricetta originale. Un’aggiunta più decisa di kirsch (astemi astenetevi) ;) e la sostituzione delle nocciole previste con delle mandorle siciliane. Non so perché ma, d’istinto, l’abbinamento con la scorza di limone non mi convinceva fino in fondo. La prossima volta però, giocherò d’azzardo…

P.s. Io ci abbinerei una bella tazza di delicato tè Darjieling oppure a voler strafare con gli accenti “melosi” un bel bicchierino di “turkish apple tea” (tisana alla mela di origine turca).

“Apfelstreusel”

500g mele dolci tipo Golden delicious, Jonagold

3-4 cucchiai di Kirsch

1 limone biologico (scorza grattugiata)

250g farina

3 cucchiaini di lievito per dolci

125g burro ammorbidito

150g zucchero

2 uova

2-3 cucchiai di latte

un pizzico di sale e 1/2 cucchiaino di essenza naturale di vaniglia

Per il topping:

25g di burro (freddo)

25g zucchero di canna

50g farina

1 cucchiaio di mandorle tritate

2 cucchiaini di scorza di limone (bio)

un pizzico di cannella

Sbucciate e tagliate a cubetti le mele. Conditele con la scorza di limone grattugiata e il kirsch, lasciandole insaporire per almeno mezz’ora. Nel frattempo setacciate la farina con il lievito e un pizzico di sale. Imburrate e foderate con carta da forno uno stampo tondo e profondo di circa 20 cm di diametro dal fondo amovibile. Preriscaldate il forno a 170°C.

Lavorate il burro con lo zucchero e la vaniglia (io ho usato i semini della Vahiné, acquistati in Francia – che vi linko non per pubblicità occulta, ma a fini puramente dimostrativi!!) fino a ottenere un composto spumoso e chiaro. Unite le uova, una alla volta. Aggiungete anche la farina setacciata con il lievito e infine il latte. Ora è il momento di mettere anche le mele nell’impasto. Mescolate bene il tutto e versate nello stampo.

Adesso dedicatevi al topping. Tagliate il burro a pezzetti (mi raccomando deve essere freddo) e mescolatelo grossolanamente con farina, zucchero, mandorle, scorza di limone e una nuvola di cannella. L’insieme deve avere l’aspetto di grosse briciole. Distribuite il topping sulla torta e infornate il tutto per circa 1 ora e 15 (ma verificate la cottura a partire da 1 ora). Lasciate riposare la torta nella teglia per 10 minuti, poi sformatela e fatela raffreddare su una gratella.

Suggerimenti golosi la vedono servita con panna montata aromatizzata al kirsch. A me è piaciuta anche al naturale.

Annunci