Giovedì, 21 gennaio 2010


Ore 16,30

Devo fare OUTING: quelli che vedete in foto sono i *bagel* di ieri già bolliti e pronti per andare in forno. Dall’aspetto, penserete, non sembrano affatto male, anzi hanno pure un non so che di carino invece…invece, purtroppo, una volta terminata la cottura, si sono rivelati leggeri come una pietra e gommosi quanto il pongo. Avrei potuto usarli per lanciarli in testa a una tipa che non mi è affatto simpatica di questi tempi e probabilmente le avrei provocato una contusione niente male!! Quindi?? Tutto da rifare.

Così, visto che sono un “capricorno” e che la mia testa è dura quanto i bagel appena preparati mi sono rimessa in cucina (in questo momento i nuovi bagel lievitano silenziosamente!) e mentre modificavo la ricetta a modo mio (e stavolta se sbaglio è solo “mea culpa”) mi sovvenivano alcune riflessioni generalizzabili sui libri di cucina. Prendi uno chef americano che vive a Parigi e diventa famoso vendendo bagel e sandwich (i francesi si lasciano conquistare facilmente direi)  ;P Un giorno si sveglia e magari contattato da una casa editrice decide di rifilare ai suoi fans un pò di ricettine. Il dubbio sorge spontaneo: le ricette vengono prima testate? Oppure sono giocosamente redatte alla scrivania del ristorante tra una telefonata e un’intervista? Se scrivo un libro di cucina le mie ricette non dovrebbero essere più che collaudate, diciamo foolproof ossia a prova di errore, quindi facili e accessibili a tutti? Altrimenti me ne frego e scrivo un libro come PH10 di Hermé rivolto ai professionisti e a qualche cuoco casalingo dalle capacità aliene. Giusto? Forse bisognerebbe riconsiderare il modo di fare libri.

Nel frattempo, però, i miei bagel rewindati sono quasi pronti… chissà se il *bagel* project stavolta andrà in porto…

Aggiornamento: venerdì, 22 gennaio 2010

Ore 9,30

Nulla di nuovo sotto il segno dei bagel. La versione modificata con l’uso del lievito di birra ha prodotto panini ottimi, ma piuttosto diversi dai bagel newyorkesi. A questo punto non mi resta che andare alla ricerca del bagel perfetto! :)