Lunedì, 8 marzo 2010

ore 13,45

Oggi è la festa della donna. Ma non avevo affatto voglia di tuffarmi nel mondo del giallo-mimosa e escogitare qualche piatto a tema che suonasse un pò forzato: tipo torta gialla con crema gialla e decoro-di-panna-giallo limone!

Voglio invece dedicare un pensiero a tutte le donne che con forza, caparbietà, amore, dedizione, tenerezza ogni giorno affrontano mille piccoli momenti di vita, belli o difficili, sempre e comunque intensi.


Quindi oggi nulla di complicato. Una ricetta fa-ci-lis-si-ma! Quasi quasi non ci sarebbe nemmeno bisogno di scriverla! Gli ingredienti sono quelli del Mediterraneo e danno al pesce un sapore, netto, fresco, pulito. Ho però usato un intruso, che di mediterraneo non ha praticamente nulla! E’ il sale di Maldon che arriva dall’Inghilterra e più precisamente dalle coste dell’Essex. Si produce grazie alle condizioni climatiche piuttosto secche della zona, così l’acqua marina filtrata e fatta depositare, lentamente evapora formando in superficie tanti minuscoli cristalli che, uniti, formano delle piccole piramidi cave. Quando i cristalli si ispessiscono cadono sul fondo delle cisterne e vengono poi raccolti a mano e fatti essiccare.

Pesce al forno, limone e origano

2 filetti di pesce bianco (circa 400g)

1/2 limone

origano

pepe nero q.b.

sale di Maldon q.b.

olio extravergine d’oliva q.b.

3-4 patate

Accendete il forno a 180°C. Bagnate appena un foglio di carta da forno e usatelo per rivestire una teglia. Poggiatevi sopra i filetti di pesce, conditeli con un’abbondante spruzzata di olio e limone, una manciata di origano, un giro di mulinello di pepe e qualche scaglietta di sale di Maldon.

Pelate e tagliate le patate a cubetti. Sciacquatele sotto l’acqua fredda per eliminare l’eccesso di amido. Cuocetele al vapore lasciandole a 3/4 di cottura. Unitele ai filetti di pesce aggiungendo un pizzico di sale extra e olio.

Infornate il tutto per 15-20 minuti. Servite con extra sale di Maldon (a parte) se vi piace.


Annunci