Martedì, 8 giugno 2010

ore 8,00

Oggi non vi stupirò con effetti speciali (hehee), ricette impossibili (figuratevi!) e oscure magie gastronomiche (bim sala bim)!

Vi propongo invece un piatto campagnolo che ho mangiato in quantità industriali quando andavo in vacanza in Grecia e a dire il vero pure al ritorno (almeno per un certo periodo). Un piatto che amo molto e che mi fa subito pensare a una piccola taverna in collina dove ci si sedeva sotto un bellissimo pergolato, ricoperto da una vite fitta fitta (a fine agosto c’erano i grappoli d’uva bianca che pendevano, quasi maturi, ed emanavano un profumo incredibile!). Insomma un piatto che da solo fa “vacanza”. Ieri perciò l’ho preparato per un pranzo in terrazza, mentre un dolce venticello tiepido portava in giro il profumo della lavanda in fiore e mi sono sentita…. rilassata..

Per quanto ne so io, in greco si chiama “choriatiki salata” (si pronuncia tipo “koriatiki” ) che vuol dire più o meno insalata di campagna o rustica. In effetti a pensarci bene gli ingredienti non sono affatto chic, ma molto contadini. La ricetta si gestisce un pò ad occhio o secondo i gusti personali, ma non devono mai mancare polpose olive nere, meglio se greche e della varietà kalamata, e un bel peperone carnoso. Per fedeltà ci andrebbe verde, ma visto che al momento non l’avevo ho optato per uno giallo che ha dato anche un effetto più vivace al mélange. Poi, naturalmente, vi occorre del formaggio feta (misto da latte di capra e vacca), una rustica cipolla (è l’aroma che fa la differenza secondo me) e dell’origano secco profumato. Voilà il gioco è fatto. Kalì òrexi.

Choritaiki salata

per 3-4 persone

3 pomodori sodi

1 cetriolo grande

1/2 – 1 cipolla rossa

1 peperone verde o giallo

qualche cucchiaio di olive nere tipo kalamata, sottolio o in salamoia

1 confezione di formaggio feta (200g circa)

olio, aceto e origano per condire

Tagliate i pomodori a spicchi. Affettate e sbucciate il cetriolo, privatelo dei semi interni con l’aiuto di un cucchiaino (potete anche tagliarlo semplicemente a fette lasciando buccia e semi, son gusti). Affettate il peperone in piccole strisce. Pelate e tagliate a rondelle la cipolla (potete usarne solo 1/2 per lasciare un aroma più leggero, altrimenti abbondate!). Mettete tutto in un’ampia insalatiera, unite le olive, condite con un pizzico di sale (poco perché il formaggio, solitamente, è piuttosto salato) e pepe. Tagliate la feta a cubetti e disponetela sopra l’insalata.

Al momento di servirla conditela con aceto di vino bianco (un amico greco mi ha insegnato che l’aceto va versato di lato e mai sul formaggio) e abbondante olio extravergine d’oliva. Completate spolverizzando con un bel pò di origano.

Advertisements