Martedì, 22 giugno 2010

ore 01,00

Non so voi, ma io subisco il fascino della cucina indiana. Le miscele di curry mi intrigano così come i sapori complessi di tanti piatti provenienti dall’India: dolce, salato, acido, agrodolce, piccante..piccantissimo! Qualche volta mi cimento nei “curry-fai-da-te” altre volte me ne vado direttamente al ristorante indiano, anche se non sempre la qualità di ciò che si mangia è entusiasmante, almeno in Italia.

Conoscendo la mia passione per tutto ciò che in generale riguarda la cucina, soprattutto etnica, mio fratello mi ha regalato, lo scorso Natale, un originalissimo libro di cucina indiana: “Bollywood in cucina” di Bulbul Mankani edito da Logos. Non un classico libro, ma un viaggio avventuroso lungo la via delle spezie, una storia che passa attraverso piatti conosciuti e meno noti, da Mangalore al Ladakh, dal paneer (formaggio) ai dhal (piatti a base di lenticchie). Una raccolta delle ricette amate dagli attori più famosi di Bollywood (ok, a parte un paio, devo confessare che gli altri non li conosco affatto! ma è divertente scoprirli tra le pagine di carta spessa).

La “crème de la crème” di Bollywood appare in una foto a doppia pagina in cui bellissime ragazze più o meno patinate, paillett-ate e strizzate in abiti da sera sono affiancate a ragazzi sorridenti e prestanti (avrei qualche dubbio sul look di un paio di loro, leggi camicia turchese con collettone gigante su completo bianco, oppure camicia finto stropicciata in shantung color cioccolato..ma vabbé passiamo oltre.. in fin dei conti è Bollywood no?!). Di ognuno di loro viene tracciata una piccola biografia e poi via alle ricette preferite. Le foto, sia quelle del cibo che i ritratti degli attori, sono belle, le pagine piene di colori – dal giallo al beige, dal verde all’ocra al turchese – come colorato ed effervescente è il mondo del cinema indiano!

Beh, arrivo al dunque. Tra i piatti preferiti da Shah Rukh Khan attore quarantenne molto popolare in India e all’estero c’è il Bhatti Da Murgh altrimenti detto pollo tandoori. E’ un pollo dalla profumata crosticina speziata cotto in un particolare forno di argilla dalla forma cilindrica chiamato appunto tandoori. Ovviamente il forno tandoori non ce l’ho (!!), ma l’aroma si ricostruisce bene anche nel forno tradizionale (manca, certo, un lato un pò affumicato, ma è buono lo stesso). Non lasciatevi impressionare dal colore quasi fosforescente del piatto! E’ dovuto alla miscela di spezie già pronta che ho usato. Se invece seguite gli ingredienti e le istruzioni per farla in casa sarà più scura e meno fluo! Questa ricetta dello chef Jitendra Kumar è aromatica e saporita. L’ho modificata a modo mio, usando yogurt greco, meno aglio, aggiustando appena la quantità di spezie. Per scoprire come fare il burro chiarificato cliccate qui.

Chicken tandoori

(ricetta adattata da *Bollywood in cucina* ed. Logos)

100g yogurt greco naturale colato, oppure yogurt al naturale lasciato sgocciolare in una garza per 4 ore

3-4 cucchiaini di bhatti masala* (miscela di spezie per tandoori)

1 pollo disossato, a pezzi, senza pelle (700g circa)

10g pasta di zenzero

10g pasta di aglio

2 lime, succo

burro chiarificato oppure olio di semi q.b.

sale

Mescolate yogurt e bhatti masala e lasciate insaporire in frigo per una notte. Frullate nel mixer l’aglio sbucciato e lo zenzero pelato. Spalmate la pasta di zenzero e aglio ottenuta sui pezzi di pollo, copriteli con succo di lime e fateli marinare per 2 ore.

Incidete i pezzi di pollo con dei tagli obliqui. Spalmate sopra un pò di yogurt alle spezie. Preriscaldate il forno a 180°C. Mettete i pezzi di pollo su una teglia coperta con carta da forno. Cuoceteli per 30 minuti, poi spennellateli con il burro o l’olio di semi, quindi rimettete in forno, abbassando però la temperatura a 160°C, per altri 30 minuti.

Servite il pollo tandoori con fette di lime e anelli di cipolla e volendo un chutney di menta.

Potete anche cuocere il pollo sul barbecue in modo da avere lo stesso sapore affumicato del forno tandoori: mettete i pezzi di pollo sulla griglia e cuoceteli per 25 minuti circa, rigirateli e cuoceteli per altri 25-30 minuti facendo attenzione a non bruciarli.

Il bhatti masala* si può fare in casa, mescolate e poi macinate insieme 1 cucchiaino di ciascuna delle seguenti spezie in semi: coriandolo, pepe nero, cumino, poi foglie di fieno greco, cannella in polvere, peperoncino rosso in polvere, chiodi di garofano, cardamomo in baccelli, macis e noce moscata.