Giovedì, 28 ottobre 2010

ore 11,40

Natale è ancora lontano, ma non so perché mi è già venuta voglia di biscottini allo zenzero, soffici brioche alla cannella, panini alla zucca e tutto ciò che fa tanto “festivo” (lol). Sarà colpa dei decori per l’albero di Natale? Lo so, apparentemente sembra un discorso senza senso. Eppure… La scorsa settimana li ho adocchiati nel piano casa della Rinascente di Milano (in realtà lo avevano invaso) e ho avuto la sensazione che mi dicessero, ammiccanti dai cestini di vimini, “comprami comprami!!!” (per la cronaca non li ho comprati, cavolo… comprerò mai delle palline di Natale a ottobre?????!! in compenso però ho portato a casa dei bastoncini di zucchero a righe bianche e rosse che immagino avrei potuto pagare la metà del prezzo in un qualsiasi negozio di caramelle …ehhhhh?!).

Fatto sta che con questo clima freddino e soleggiato e le feste che stanno quasi-quasi-per arrivare ho sfornato un kougelopf (la grafia della parola varia tantissimo, io ho scelto questa!) un pane lievitato dolce, di origine alsaziana che non può che essere mentalmente associato a questo periodo! Vuoi per la quantità di burro indecente che contiene, vuoi perché ci va pure l’uvetta e le mandorle a scaglie, insomma uno+uno fa kougelopf!

Secondo tradizione andrebbe usato un particolare stampo di ceramica smaltata (come questi), ma visto che è piuttosto difficile recuperarlo basta un classico stampo di alluminio simile a questo qui. Si accompagna con il caffè o il tè. Volendo potete profumare l’uvetta con brandy o rum.

Kougelhopf

500g farina manitoba

2 sacchettini di lievito di birra secco (ognuno adatto a far lievitare 250g di farina)

1 cucchiaino di sale

4 cucchiai colmi di zucchero

4 uova medie

200g burro

200g uva passa

mandorle a scaglie

1/10 di litro di latte, tiepido

Portate uova e burro a temperatura ambiente. Imburrate generosamente 2 stampi da kougelopf e rivestiteli con scaglie di mandorle. Fate ammorbidire l’uva passa in un pò di acqua calda. Nel frattempo mescolate farina e lievito, unite il latte tiepido e lavorate energicamente l’impasto per 1 minuto (io uso la planetaria, ma si fa anche a mano). Aggiungete quindi lo zucchero, il sale e le uova, impastate per 10 minuti circa.

Aggiungete quindi il burro morbido in tre volte, facendolo amalgamare/assorbire bene e lavorate l’impasto per altri 10 minuti. Infine copritelo con un telo umido e lasciatelo lievitare in un luogo tiepido per circa 1 ora (o fino al raddoppio). Aggiungete quindi l’uvetta ammorbidita e strizzata e impastate a mano per 1 minuto.

Distribuite l’impasto negli stampi imburrati-mandorlati (!). Coprite con un telo e lasciateli lievitare ancora per circa 70 minuti (e comunque fino al raddoppio).

Preriscaldate il forno a 180°C per una decina di minuti. Infornate i kougelopf per 30-35 minuti o fino a quando saranno dorati. Sformateli subito su una gratella e lasciateli raffreddare.