Martedì, 16 novembre 2010


ore 10,00

Tante piccole gocce di pioggia scendono dolcemente dalle nuvole, si posano su improvvisate pozzanghere creando ipnotizzanti movimenti concentrici. Il cerchio inizia piccolo, si allarga poi leggermente, per diventare quasi una nota musicale in un crescendo avvolgente di armonie visive. Non amo la pioggia, ma oggi è affascinante.

Mi vien voglia di semplicità, di qualcosa che ha un gusto familiare e mentre aspetto (im)pazientemente che il mio lievito madre (avete presente quello che ho detto tempo fa? cioè che non l’avrei mai fatto? beh, per adesso.. ci ho ripensato!! super-smile) si trasformi nel composto magico-segreto di baguette e brioche, ho rifatto un piatto che cucina spesso mio papà! Ma forse il suo è più buono! lol

Facile facile: zucca fritta all’agrodolce (in Sicilia non manca mai) al profumo di mentuccia. Un piatto invernale/mediterraneo delizioso come contorno o sfizioso antipasto.

Zucca fritta alla siciliana

500g zucca gialla, pulita e tagliata a fettine

1 cucchiaio e 1/2 di zucchero

1,5-2 cucchiai di aceto di vino bianco

mentuccia fresca q.b.

Friggete le zucca in olio caldo. Quando è cotta spolverizzatela con lo zucchero e sfumatela con l’aceto (aspettate che evapori). Servitela condita con una bella manciata di mentuccia tritata e un giro di mulinello di pepe nero.

P.s. mio padre la fa a cubetti più alti e grandi, in questo modo è decisamente più carnosa sotto i denti.

P.s.2 io ho usato una zucca dalla consistenza un pò farinosa, voi – se riuscite – date la preferenza a una più soda che tenga bene la frittura.