Sabato, 27 novembre 2010

ore 10,30

Il rumore della caffettiera riesce spesso a incantarmi! lol! Ci avete mai fatto caso? Quando mettete la moka sul fornello c’è solo un silenzio rotto appena dal suono della fiamma accesa, poi, sale un leggerissimo borbottìo che pian piano diventa un gorgogliare prepotente accompagnato dall’aroma di cereali e cioccolato (beh dipende dal caffè che ci avete messo dentro! consiglio spassionato: usate solo arabica 100%!) che invade la cucina. Certe mattine, pur avendo a portata di mano una velocissima macchinetta per l’espresso, sento il bisogno di dedicarmi alla lenta gestualità del caffè preparato con la moka..e stamattina è una di queste.

Chiusa la divagazione, oggi vi propongo una torta al tè verde matcha e crema di marroni. Il tè matcha è un tè verde giapponese lavorato e ridotto in polvere finissima, tradizionalmente usato per la cerimonia del tè (chiamata “Cha no yu”) mescolato con acqua calda con un frullino di bambù (detto “chasen”) per creare una bevanda leggermente schiumosa: ne esistono diverse qualità, koicha (meno sottile) e usucha (fine), che possono provenire dai germogli di piante di oltre 30 anni di vita. Il matcha è molto diffuso anche come ingrediente in cucina, soprattutto nei dessert come il classico gelato al tè verde (mai assaggiato al ristorante jap?), i biscotti di frolla, la pasticceria cosiddetta Wagashi, la pasta (soba) e le bibite (in Australia ho fatto il pieno di matcha green tea latte di Starbucks – opsss.. dimenticate di aver mai letto la marca sopra citata!! hehh – in versione calda e fredda).

Negli ultimi anni il matcha nei dolci è diventato un must per tutti i food-blogger, soprattutto nella blogosfera francofona. Non è troppo difficile da reperire (lo trovo spesso nei negozi di alimenti etnici, nelle botteghe specializzate in tè orientali, si può comprare facilmente on line) e penso che vada provato almeno una volta visto che conferisce un sapore e un profumo particolare ai dessert: è un gusto molto vegetale, erbaceo, e se la qualità non è eccelsa c’è anche una nota amarognola non troppo fastidiosa. Naturalmente sarebbe un vero e proprio crimine usare del matcha di gran qualità per torte e tortine visto il costo piuttosto elevato (si va dai 25 euro in sù per un barattolino di 25g-30g), mentre è molto più abbordabile il matcha “da cucina” (il cui prezzo va dai 5 ai 10 euro per 30g-40g che vi bastano per dolci e dolcetti a volontà!) anche se il colore verde smeraldo non si mantiene tale e quale dopo la cottura ma tende a scurirsi.

L’abbinamento che ho scelto è con la crema di marroni, decisamente più delicato rispetto al classico-e-indissolubile connubio matcha/cioccolato bianco (anche perché con altri sapori, secondo me, si crea solo confusione!). Ricetta rapida, pronta in 1 oretta o poco più, da testare in un pomeriggio di fine autunno in compagnia di una calda tazza di buon tè verde (matcha e non).

Cake al tè verde matcha e marroni

180g farina

3 uova

170g zucchero

80g burro fuso

70g olio di semi

1/2 bustina di lievito per dolci (circa 6g)

un pizzico di sale

3 cucchiaini scarsi di tè verde matcha, setacciato

2 cucchiai di crema di marroni alla vaniglia

Preriscaldate il forno a 180°C. Sbattete le uova con lo zucchero fino a quando saranno chiare e spumose. Unite la farina setacciata con il lievito, il burro fuso (freddo), l’olio e un pizzico di sale. Mescolate 1/3 del composto con la crema di marroni, mentre unite al rimanente il tè verde in polvere setacciato.

Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake: versate il composto ai marroni sulla base e sopra quello al tè verde (o viceversa..fate voi), mescolateli dolcemente con la lama di un coltello per creare un disegno. Infornate per circa 50 minuti. Lasciate raffreddare il cake nella teglia prima di sformarlo.

50+50? Se preferite potete dividere l’impasto a metà, in questo caso unite 1 cucchiaio in più di crema di marroni.

Piccolo è bello! Potete anche fare dei mini cake o delle tortine alternando i 2 composti in stampini da muffin.