Lunedì, 11 aprile 2011

ore 17,00

Oggi sono in modalità stand by. Il che vuol dire che dalla mia cucina non esce nulla che non sia prettamente votato alla sopravvivenza. Se poi la sopravvivenza di una sicula in astinenza-da-Sicilia oggi è fatta di granita al cioccolato.. beh, sono certa che non me ne vorrete. In questo blog, infatti, non finisce nulla che non sia cucinato&mangiato dalla sottoscritta!

La voglia di granita al cioccolato+caffè è arrivata subdolamente. Ieri mentre risalivo la Penisola in auto e mi fermavo all’immancabile-indispensabile-autogrill ho comprato un bicchiere di CafèZero gusto mocaccino (qui). In effetti questo prodotto industriale ha poco da spartire con “das original” granita siciliana, ma tant’è.. visto che la mente fa strane e spesso incomprensibili associazioni stamattina mi sono svegliata con il tarlo della granita. Ed ecco il risultato. Chi pensa che la granita siciliana debba essere dura come la pietra si sbaglia. La sua cremosità varia molto da una gelateria/pasticceria e da una provincia all’altra, ma non è mai data da un insieme di scaglie di ghiaccio al sapore di questo o quello…

Una nota al volo. La città di Modica è erede di un’antica tradizione azteca portata in Sicilia dagli Spagnoli verso il ‘500. La particolarità del suo cioccolato è racchiusa nell’insolita consistenza, frutto di una speciale lavorazione senza concaggio. L’uso di una bassa temperatura (max 35°-40°C) permette ai cristalli di zucchero di mantenersi intatti all’interno dell’impasto: in questo modo si ottiene un cioccolato ruvido al palato, grezzo, direi quasi primitivo.

P.s. Per l’occasione ho dato il via alla campagna: “elimina-i-quintali-di-cioccolato” accumulati in dispensa durante il periodo invernale! LOL

Granita siciliana, al cioccolato di Modica

1/2 litro di acqua

180g zucchero

1 tavoletta di cioccolato di Modica (100g), non aromatizzato

2 caffè espresso

1 cucchiaino abbondante di glucosio (sciroppo di glucosio)

Spezzettate il cioccolato di Modica. Scaldate l’acqua in un tegame e scioglietevi dolcemente il glucosio, poi aggiungete lo zucchero, il caffè e il cioccolato. Amalgamate bene il tutto, su fuoco basso, fino a quando il cioccolato sarà ben sciolto.

Lasciate raffreddare il composto prima di mantecarlo nella gelatiera.

Nota: la granita al cioccolato siciliana per tradizione “chiama” brioche e panna montata e l’eventuale matrimonio con la granita di mandorla o di pistacchio.