Venerdì, 2 settembre 2011

Catania, ore 20,00

Chi è stato a Catania ha forse assaggiato almeno una delle specialità di “tavola calda” che caratterizzano la ricchissima offerta cittadina e che – orgoglio catanese a parte – devo ammettere, non ha eguali in tutta l’isola. Oltre agli immancabili arancini (o arancine, fate voi) i bar e le rosticcerie pullulano di delizie a metà tra lo snack e lo street food che i catanesi mangiano praticamente a tutte le ore (qualcuno a colazione, qualcun altro a notte fonda, qualcuno a pranzo..).

C’è la “cipollina” quadrato di pasta sfoglia farcito con cipolle cotte, c’è la “siciliana” o pizza fritta alla siciliana con formaggio tuma e acciughe salate, c’è la “bolognese” (non chiedetemi perché si chiama così.. nù sacciu – traducasi non lo so) metà sfoglia e metà brioche farcita di mozzarella e prosciutto e così via (l’elenco sarebbe lungo e pure monotono senza l’assaggio!). E poi c’è lei, la mia preferita: la Cartocciata! Una pasta morbida, alta, un pò brioche, farcita con prosciutto cotto, mozzarella e pomodoro, cotta in forno. Ha un gusto che non si può descrivere, bisogna assaporarla. Ed è forse il sapore catanese che mi manca di più quando non sono in Sicilia e la crisi di astinenza da rosticceria tipica è sempre in agguato… LOL