Giovedì, 29 settembre 2011

ore 19,00

Forse non saranno più trendy, forse la scones-mania di qualche tempo fa è stata soppiantata dalla whoopie-mania, non so. In ogni caso, a me gli scones continuano a piacere. Perché hanno quel non so che di rustico-familiare che fa tanto sala da tè inglese, perché si preparano in dieci minuti, perché non c’è nulla di più rassicurante di uno scone tiepido tiepido preso tra le dita, appena sfornato, gustato con una bella cucchiaiata di marmellata e una tazza di tè fumante nei pomeriggi d’autunno.

Oggi ve li propongo senza uova nell’impasto (che risulta molto più morbido del solito, ma sempre facilissimo da lavorare). Come dolcificante solo del miele di timo (di solito si mangiano con confetture varie e panna montata, quindi si fanno non troppo zuccherati!) e qualche pezzetto di fichi secchi ad addolcire ancora un pò.

Scones al miele di timo e fichi secchi

per circa 10 scones

240g farina 00

10g lievito per dolci

100g burro, morbido a pezzetti

5-6 fichi secchi interi, tagliati a pezzetti

2-3 cucchiai di miele di timo (liquido)

7cl di latte + un pò per dorare

un pizzico di sale

Mescolate la farina con il lievito, il sale e il burro morbido a pezzetti. Usate le mani perché dovete amalgamare il burro alla farina come se fosse un crumble. Aggiungete poi il miele, il latte e lavorate l’impasto (poco) fino a quando diventa omogeneo. Unite i fichi secchi. Stendete, con il mattarello, l’impasto a circa 2cm di spessore (se necessario usate un altro pò di farina). Ritagliate dei dischi di 5cm di diametro e disponeteli su una teglia foderata con carta da forno. Spennellateli con un pò di latte. Cuoceteli in forno già caldo a 180°C per 10-12 minuti o fino a quando leggermente dorati e asciutti (controllate la cottura con uno stuzzicadenti).

Gustateli tiepidi con confettura o altro miele.

P.s. Gli scones sono più buoni mangiati subito, ma per me sono ottimi anche il giorno dopo! fate così: divideteli a metà e tostateli in forno caldo per qualche minuto fin quando saranno dorati.