Giovedì, 27 ottobre 2011

ore 9,20

Sbucciare le mele può essere un esercizio di pazienza e relax, tanto quanto una seduta di yoga..? Probabilmente sì. Se poi lo fate con convinzione, facendo attenzione a dare una forma elegante alle bucce rosso fuoco che scivolano via dalle vostre dita, mentre passate il coltello sulla polpa croccante, avrete anche la sensazione di cimentarvi in un qualcosa dalla precisione mooolto zen.

Il profumo dolce della banana, qualche goccia di vaniglia della Guadalupa, rum e una spruzzatina di cannella. Se la frutta aspetta disperatamente che vi decidiate a mangiarla, ve lo dico, è il momento di fare un crumble. Evocativamente esotico, giusto per non perdere il contatto con l’irrealtà (veryLOL). Morbido dentro e croccante fuori, gli opposti che si attraggono. Cosa volere di più??!

Ricetta a prova di errore, perché in fondo non bisogna avere grandi qualità culinarie per sbucciare della frutta (smile). Caso mai, un pò più di attenzione è richiesta dalla frolla sbriciolata..ma se la si guarda da un punto di vista diverso, cioé come una frolla venuta male che non riesce a rimanere compatta e si sbriciola tra le mani, la mia teoria iniziale sulla sua semplicità.. è confermata!

*Crumble* alla creola

2 mele

2 banane

1 cucchiaio di zucchero di canna

2 cucchiai di rum

35g uvetta, bio

succo di limone, una spruzzatina

1 cucchiaino di cannella in polvere

1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia

per il crumble:

100g farina

60g zucchero di canna

60g burro, freddo, a pezzetti

un pizzico di fior di sale

Ammollate l’uvetta in una ciotola con dell’acqua e 1 cucchiaio di rum. Nel frattempo preriscaldate il forno a 180°C. Sbucciate le mele e tagliatele a cubetti, sbucciate le banane e tagliatele a rondelle. Spruzzatele con succo di limone, poi mescolatele in una terrina con il rum rimasto, lo zucchero di canna (potete aggiungerne dell’altro se preferite un dessert più dolce), la vaniglia e la cannella e infine l’uvetta scolata e strizzata.

Preparate il crumble: con le dita mescolate tutti gli ingredienti, in modo da formare tante briciole.

Imburrate una teglia da forno, versatevi dentro la frutta e ricoprite la superficie con le briciole di crumble (probabilmente vi rimarrà un pò di impasto, potete – come me – metterlo in un sacchettino e congelarlo per il prossimo crumble). Fate cuocere il dolce per circa 25 – 30 minuti o fino a quando la crosta sarà ben dorata. Gustate il crumble tiepido o a temperatura ambiente.

Crumble-mania? Provate anche:

il crumble di mele alle spezie di Natale (perché è già tempo di tuffarsi nell’atmosfera dlin dlin, nooo?)

il crumble di pere e cioccolato senza glutine (perché la cucina senza glutine non è affatto monotona)

e il crumble di Bonnie (perché ogni piatto nasconde una storia..)

(Creole apple – banana crumble)

Preheat oven to 180°C. Soak 35g of sultanas in water with 1 tbsp of rhum. Meanwhile peel and core 2 apples and cut them into chunks. Peel and slice 2 bananas. Sprinkle the fruit with some fresh lemon juice then add 1 tbsp of brown sugar (or more if you like it sweeter), 1 tsp of powdered cinnamon, 1 tsp of natural vanilla extract and 1 tbsp of rhum. Add the sultanas drained and squeezed. Make the crumble dough: mix gently with the fingers 100g all purpose flour + 60g of cold butter (in small pieces) + 60g brown sugar and a pinch of salt. Grease a baking pie dish, pour the fruit into and top with the crumble. Cook for 25 min. or until golden brown, with a thick sauce underneath. Serve it lukewarm (great with greek yogurt too!). Makes 4 small servings.