Martedì, 3 aprile 2012

ore 16,00

Non contengono ingredienti esotici, non richiedono utensili introvabili e hanno un aspetto very vintage assolutamente delizioso.

Si chiamano Snickerdoodles (ho indagato e mi hanno detto che la parola è intraducibile in italiano :) e sono biscottini croccanti fuori e morbidi dentro di origine americana. Sembra siano diffusi fin dalla fine dell’Ottocento, forse inventati nel New England da immigrati tedeschi. Di solito si preparano nel periodo natalizio, ma per me sono perfetti anche in questi giorni di primavera perché non sono eccessivamente burrosi. Non si hanno notizie, invece, sul particolare e quasi impronunciabile nome …(ascoltate qui)!

Questi biscotti hanno tutte le carte in regola per diventare un piccolo classico da tutti i giorni: coperti di cristalli di zucchero mescolati a cannella in polvere, si crepano leggermente in cottura e hanno un tocco rustico e old style. Al posto del lievito, inoltre, si usa una combinazione all’antica di cremor tartaro e bicarbonato di soda. Ne esistono diverse varianti, più o meno lievitate, quella che vi propongo è leggermente cicciotta (ho un debole per i biscotti morbidi, yess). Per averli più croccanti, piuttosto che farli cuocere di più, fateli semplicemente.. più bassini! Sono buoni, semplici, con un leggero gusto di burro e un aroma caldo di cannella, insomma – e non aggiungo altro – perfetti per l’ora del tè.

Potete chiuderli in un sacchetto con un bel nastro di raso azzurro e regalarli insieme al classico uovo di cioccolato :) La ricetta, lievemente rivisitata, è della Hummingbird Bakery (Cake Days, Ed. Collins) di Londra.

Snickerdoodles cookies

burro, morbido | 60g

zucchero | 140g

estratto naturale di vaniglia | 1/2 cucchiaino

uova, bio | 1 grande

farina 00 | 240g

cremor tartaro | 3/4 cucchiaino

bicarbonato di soda | 1/2 cucchiaino

sale e cannella in polvere | 1 pizzico

(latte qb)

per la copertura:

zucchero | 1 cucchiaio e 1/2

cannella in polvere | 1/2 cucchiaio

Montate con la planetaria burro, zucchero e vaniglia fino ad avere un composto soffice. Unite l’uovo. Setacciate la farina con il cremor tartaro e il bicarbonato e unitela in 2-3 volte al composto di burro e uova, aggiungete un pizzico di sale e cannella. Si deve formare una palla di impasto morbido tipo una frolla soffice (se necessario unite qualche goccia di latte). Avvolgete nella pellicola trasparente e mettete in frigo per almeno 40 min.

Preriscaldate il forno a 170°C. Mescolate zucchero e cannella. Prendete delle palline di impasto e rotolatele nel mix di zucchero e cannella, coprendole completamente. Disponetele su una teglia foderata con carta da forno lasciando alcuni cm di distanza (i biscotti si allargano in cottura) tra l’una e l’altra. Infornate per circa 10-13 min. o fino a quando i biscotti saranno leggermente dorati. Lasciateli sulla teglia per alcuni minuti prima di spostarli su una gratella.

Si conservano a lungo :) se non li mangiate tutti appena sfornati!!!

(Snickerdoodle cookies)

Using an electric mixer cream together 60g of soft unsalted butter, 140g caster sugar, 1/2 tsp of natural vanilla essence until light and fluffy. Add 1 large free-range egg and mix well. Sift together 240g of all purpose flour + 3/4 tsp of cream of tartar + 1/2 tsp bicarbonate of soda, a pinch of salt and ground cinnamon. The dough should form a smooth ball (add some drops of milk if needed). Wrap in cling film and refrigerate for about 40 min. Preheat the oven to 170°C. Line 1 large or 2 baking sheets with non stick baking paper. Mix together 1 1/2 tbsp of caster sugar + 1/2 tbsp of ground cinnamon. Break off small walnut-sized pieces of dough and roll them in the cinnamon sugar. Place the balls on the baking sheets arranging them 4-5 cm apart to give space to spread during cooking. Bake for about 10-13 min. or until light golden. Allow to cool for a few minutes on the sheets, before removing into a wire rack. (adapted from Hummingbird Bakery, Cake Days, Ed. Collins)