purea di radici con scalogno al vino rossoore 19,00

Il sole attraversa le finestre, inonda la stanza. La luce gioca a far ombre sul tavolo di legno antico. L’aria fredda si insinua dal vetro socchiuso, odora di inverno e di erba, di alberi e di terra.

In cucina i vapori salgono lentamente verso l’alto, le radici cuociono dolcemente nell’acqua, lo scalogno si impregna di vino rosso, profuma di alloro e timo. Bevo una tisana di citronella e mate, mentre aspetto paziente che la magia prenda forma. Un purè di verdure, dolce e confortante. E aromi invernali sulle labbra. Semplice. Come il delicato sole di gennaio.

 

Una ricetta perfetta come piatto unico vegetariano (io la preferisco così!). Ma le due preparazioni possono anche diventare un contorno insolito per la carne, dalle note piuttosto dolci ma delicate. Se volete stemperarne la dolcezza, aggiungete un pizzico di peperoncino oppure di curry o cumino.

purea di radici con scalogno al vino rosso_ottolenghi

Purè di verdure, scalogno brasato

(adattata da Plenty More, di Yotam Ottolenghi)

Ingredienti

per il purè:

lenticchie di Colfiorito | 80g

sedano rapa | 300g

carote, pelate e tagliate a pezzi | 300g

zucca, senza buccia e tagliata a pezzi | 300g

patate dolci, pelate e tagliate a dadini | 500g

sciroppo d’acero canadese | 2 cucchiai

burro | una noce

fior di sale, pepe nero, olio extravergine d’oliva qb

per lo scalogno:

scalogno | 380g

vino rosso | 200g

acqua | 100g

alloro | 1 foglia

timo fresco | 2 rametti

pepe nero in grani | 1/2 cucchiaino

zucchero di canna | 1/2 cucchiaino

maizena (amido di mais) | 1 cucchiaino raso

fior di sale qb

Pelate gli scalogni, scaldate un cucchiaio d’olio in una casseruola e fateli dorare per 5 minuti, mescolando ogni tanto. Unite vino, acqua, alloro, timo, pepe, zucchero e sale. Coprite, abbassate il calore e lasciate cuocere dolcemente per circa 1 ora (o fino a quando saranno teneri). Togliete il coperchio, aumentate il fuoco e fate bollire per 8 min. circa fino a quando il liquido si è ridotto della metà. Scolate gli scalogni con un mestolo forato e teneteli da parte. Filtrate il liquido con un colino fitto (per eliminare alloro, pepe e timo), unite la maizena e mettete ad addensare sul fuoco, poi aggiungete gli scalogni e mescolate. Tenete da parte.

Bollite le lenticchie in acqua per circa 25 min. poi scolatele e tenetele da parte.

In una pentola portate a bollore abbondante acqua salata: cuocete carote e sedano rapa insieme per 10 minuti, poi unite la zucca e le patate dolci e proseguite la cottura per altri 15-10 minuti circa fino a quando le verdure saranno morbide. Scolatele, eliminando tutta l’acqua, e riducetele in purea con uno schiacciapatate. Quindi unite le lenticchie (devono rimanere intere). Condite il purè con lo sciroppo d’acero, una noce di burro, sale e pepe a piacere. Servite con gli scalogni, qualche fogliolina di timo e poche gocce di olio extravergine d’oliva.

root_mash_ottolenghi4