Cerca

Volevo fare lo chef

soul & food stories

Tag

pomodoro

Pasta cà muddìca

Mercoledì, 19 maggio 2010


ore 9,36

Il cielo è grigio-bianco carico di nuvole e non promette nulla di buono. La primavera, almeno per oggi, almeno qui, è andata in letargo. Potrei scrivere che non me ne frega niente… ma direi una gran cavolata… quindi? prendo qualche altra riga per lamentarmi un pò??! Naaaaaa.

Prendo solo un pò di spazio per blaterare e rifilarvi una ricetta sicula sicula (LOL) tipica della Sicilia orientale perfetta per un pranzo veloce. Allora da dove inizio? mmmhmmm .. dicesi pasta cà muddìca letteralmente pasta con la mollica una fa-ci-lis-si-ma preparazione della cucina povera a base di pomodoro, acciughe, prezzemolo e pane grattugiato. Qualcosa di semplice e molto cosy come direbbero gli inglesi (intimo, familiare), che si fa anche quando in casa non c’è quasi nulla e la dispensa grida aiuto (tipo la mia in questi giorni! ahi ahi..). Potete usare il pomodoro fresco oppure i pelati, va da sé che la prima soluzione sarebbe ideale ma la seconda è più pratica; e le acciughe sotto sale o sottolio. Vi sconsiglio il pane grattugiato già pronto perché troppo fine e l’effetto complessivo vuole essere molto più rustico e casareccio.

Pasta cà muddìca (pasta con la mollica)

Fate soffriggere 1 spicchio d’aglio schiacciato in un pò di olio extravergine d’oliva. Quando sarà dorato eliminatelo e mettete nella padella 8-9 acciughe sottolio (io ci ho schiaffato le Sangiolaro comprate a Firenze). Fatele disfare completamente, poi unite una manciata di prezzemolo fresco tritato e una macinata di pepe nero. Aggiungete 250g di pomodorini di collina in scatola (potete usare del pomodoro fresco, pelato e tritato) e lasciate cuocere il tutto per 15-20 minuti, aggiustate eventualmente di sale. Nel frattempo grattugiate grossolanamente 30g di pane raffermo. Conditelo con un pò d’olio e fatelo tostare in forno a 160°C fino a quando sarà croccante. Cuocete 140g di spaghetti al dente in acqua poco salata (occhio al sugo di acciughe!). Conditeli con la salsa e cospargeteli abbondantemente con il pane tostato.

Nota: con queste dosi ne fate due porzioni piuttosto abbondanti.

ore 10,16: aggiornamento meteo, il diluvio.. è quiiiiii!

La pasta alla pizzaiola

Mercoledì, 24 febbraio 2010

ore 17,30

Quando avete un marito gourmet da sfamare e pochi minuti per cucinare, potete fare affidamento su questa pasta alla pizzaiola, che oso definire, udite udite, una garanzia. Non ho idea di chi l’abbia inventata (io l’ho imparata da mia mamma), ma di sicuro chi l’ha fatto è stato un genio! Sì, perché in circa 20 minuti si ottiene un piatto semplice, dal gusto “pulito”, poco impegnativo e saporitissimo.

Non ci sono dosi precise da seguire, diciamo che si va un pò a naso, così come spesso avviene quando si cucina di corsa. Basta avere fornello+grill e il gioco è fatto. Per quanto riguarda gli ingredienti, ça va sans dire, più sono buoni, più godurioso è il risultato LOL

La pasta che ho scelto, oggi, era della linea “Senatore Cappelli” della Latini. Si tratta di una pasta monograno cioè ottenuta con un solo tipo di grano (quindi si parla di pastificazione in purezza) in questo caso la profumatissima varietà Senatore Cappelli (grano duro), nata nei primi del ‘900, che odora e sa proprio di grano, anzi direi di pane appena tostato in forno. Una pasta dalla ruvidezza perfetta che le permette di assorbire divinamente qualsiasi sugo e anche soltanto un velo d’olio. Se poi usate della mozzarella di bufala fatta come si deve e dell’origano aromatico, beh, penso che non la dimenticherete facilmente.

Pennette “Senatore Cappelli” alla pizzaiola

per 2 persone

150g pennette “Senatore Cappelli”

100g pomodori pelati

1 scalogno tritato o 1/2 cipolla (tritata)

sale e pepe, origano siciliano secco q.b.

mozzarella di bufala q.b.

olio extravergine d’oliva

Preparate la salsa di pomodoro (se avete fretta potete usare anche quella già pronta). Soffriggete dolcemente lo scalogno in un filo d’olio, quando sarà appassito unite i pelati tagliati a pezzetti e un cucchiaio di acqua calda. Aggiustate di sale e pepe. Lasciate cuocere a fuoco moderato. Affettate sottilmente la mozzarella.

Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Scolatela piuttosto al dente, circa 2 minuti in anticipo rispetto al tempo di cottura indicato sulla confezione. Conditela con la salsa di pomodoro e versatela in una teglia o in piccole tegliette da forno (amo le mie mini cocotte le creuset!) velate con un un pò d’olio.

Distribuite le fette di mozzarella sulla pasta. Spruzzatela con origano secco (quello siciliano è mooolto profumato) e passatela in forno caldo a 200°C o meglio sotto il grill, fino a quando la mozzarella sarà fusa.

Mangiatela subito.. altrimenti si fredda!


Blog su WordPress.com. | Il tema Baskerville.

Su ↑

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 185 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: